phone ico (+39) 0775.211417

Video Gallery Fotografica  Facebook Twitter Canale YouTube


Serrone: Mostra permanente di costumi teatrali

 

La "Mostra permanente di costumi teatrali" di Serrone è l'unica mostra di questo genere esistente nella Regione Lazio ed una delle poche in Italia. I costumi teatrali sono stati realizzati nel corso della sua brillante carriera da Beatrice Minori, sarta della RAI tv e sarta personale di Eduardo de Filippo, oltre che collaboratrice di importanti registi italiani. Numerosi sono gli spettacoli che si sono avvalsi delle sue spiccate doti creative, tra i quali ricordiamo: Masaniello, Filumena Marturano, Forza venite gente, Notre Dame de Paris ... Nata a Serrone nel 1923, Beatrice Minori ha voluto donare al suo paese i costumi teatrali di scena, tutti originali ed indossati da illustri personaggi dello spettacolo come Eduardo, Gassman, Beppe Barra etc. Grazie a questo prezioso contributo è stato possibile realizzare a Serrone la mostra permanente di costumi teatrali "Il costume, l'attore il personaggio". Colpisce la cura e la maestria con cui sono disposti i costumi, opportunamente commentati, e la qualità dei tessuti.

Sembra che si possa toccare con mano la storia del teatro italiano e gli attori che lo rappresentarono. Da Machiavelli a Pirandello, passando per Goldoni e Shakespeare, nella mostra prendono corpo le forme immaginate fra le righe da questi grandi letterati alle prese con le loro opere più famose. Sapientemente Beatrice Minori ha saputo tessere le nostre fantasie una per volta, in un mosaico di intrecci e colori che danno la forza e il senso ad ogni battuta. La mostra è stata ordinata in due sale espositive seguendo un criterio cronologico di stile dei costumi. Nella prima sala sono esposti i manichini che indossano costumi in stile Rinascimentale, Barocco e Settecentesco, corredati da didascalie esplicative che indicano il titolo della commedia, l'autore, il costumista, l'attore o l'attrice che li ha indossati, il personaggio rappresentato e l'anno di realizzazione. Nella seconda sala seguono i costumi dell'Ottocento e del Novecento. La mostra è dotata di un catalogo ricco di foto a colori di tutta la collezione.

 




CONTENUTO SPONSORIZZATO

Meteo

Seguici su Facebook