phone ico (+39) 0775.211417

Video Gallery Fotografica  Facebook Twitter Canale YouTube


Nel 1630, su Via Maggiore, allora la strada principale di Alvito, il notaio Luca Rosati fece costruire un palazzo di vaste proporzioni, dalla linea tardobarocca e ricca di ornamenti. Il restauro e gli ampliamenti settecenteschi furono opera del capomastro milanese Cristoforo Bozzolino. All’attento visitatore non possono certamente sfuggire il portale a tutto sesto decorato da stucchi, le finestre ovali, le ringhiere in ferro battuto e i resti delle grondaie, in luogo dei discendenti, a forma di grifi. Nella parte superiore, fa bella mostra un’altana a due livelli con funzione di raccordo delle canne fumarie e di belvedere. Dai Rosati il complesso passò ai Castrucci e da questi a Cervi che ne sono gli attuali proprietari. Memoria degli antichi fasti della famiglia Rosati, l’elegante rosa scolpita sul portale d’ingresso.

 




CONTENUTO SPONSORIZZATO

Meteo

Seguici su Facebook