phone ico (+39) 0775.211417

We have 445 guests and no members online

Video Gallery Fotografica  Facebook Twitter Canale YouTube

Casa Museo Accademie Vitti ad Atina

Casa Museo Accademie Vitti ad Atina

Ad Atina, dal 18 agosto 2013, è visitabile la casa museo intitolata “Académie Vitti” dedicata agli artisti e modelli Cesare Vitti e le sorelle Maria, Giacinta e Anna Caira, fondatori di una delle più importanti scuole o atelier d’arte sorti alla fine del secolo XIX a Parigi.

Cesare Vitti, artista, scultore e modello, conobbe e sposò Maria Caira, che insieme alle due sorelle Giacinta e Anna, faceva la modella a Parigi per gli artisti di Montmartre. Verso il 1894 fondano una scuola di disegno, l’Académie Vitti, a Montparnasse, conosciuta e apprezzata da alcuni dei maggiori artisti moderni.
Il materiale in esposizione nello spazio museale è quello che gli eredi di Maria e Giacinta Caira e Cesare Vitti hanno custodito nella casa dove hanno vissuto fino alla loro morte: schizzi e disegni di nudo, maschile e femminile, realizzati su carta a matita o carboncino provenienti dall’accademia parigina eseguiti da allievi e maestri, fotografie di modelli (spesso le tre sorelle Caira) in costume che erano utilizzate per le lezioni, realizzate da alcuni dei maggiori fotografi dell’epoca come Nadar, Naudet, cartoline postali e illustrate a documentare le relazioni personali e professionali, quadri e disegni di mano di Giacinta stessa, opere di collezione, fotografie di famiglia e d’atelier che testimoniano momenti importanti della quotidianità dell’insegnamento nella sede parigina di Boulevard de Montparnasse – artisti, insegnanti, allievi, modelli, le sorelle Caira e Cesare Vitti, mobili e oggetti d’arredo.
Il piccolo museo si articola al piano terra dell’abitazione, mentre gli ambienti al primo piano accolgono la segreteria, le sale espositive e una sala dedicata a incontri e seminari. Gli interni hanno recuperato un’atmosfera sottesa, simbolica, astratta, sottolineata dalle finiture (la pietra a vista stilata, le pareti e i soffitti intonacati e tinteggiati nei colori nero e rosso rubino), dall’allestimento museografico vero e proprio e dagli arredi, e si sono strutturati come luogo della narrazione e della memoria.


 2454,    28  Feb  2018 ,

Meteo

Seguici su Facebook