phone ico (+39) 0775.211417

Video Gallery Fotografica  Facebook Twitter Canale YouTube


Other Personalities

Libero de Libero

Chi era: scrittore e poeta 
Nato a: Fondi (1903) patricano di adozione

Si laurea in Giurisprudenza a Roma. Nel 1928 fonda il quindicinale “Interplanetario”, vi collaborano Corrado Alvaro, Massimo Bontempelli, Alberto Moravia. La sua prima attività poetica si colloca nell’ambito dell’ermetismo. La prima raccolta, “Solstizio”, è pubblicata da Ungaretti sulle pagine di Novissima, altre raccolte sono Proverbi (1937), Testa (1938), Eclisse (1940). Anche dopo la guerra la produzione di poeta, narratore e saggista (culminata nei saggi Mafai, 1949; I volti di Masaccio, 1956; Maccari, 1976), è di vasto respiro.

Numerosi i suoi contributi volti a chiarire aspetti e problemi del tempo della Scuola romana, di cui è fra i protagonisti in campo letterario, a contatto con i maggiori avvenimenti artistici del tempo. Ha lasciato interessanti memorie della “terza saletta” del Caffè Aragno, di cui era assiduo frequentatore.

E’ tra gli estimatori del gruppo di Via Cavour (con Ungaretti, Sinigalli, Falqui). Dal 1935 al 1938 dirige la Galleria della Cometa, in veste di direttore artistico. Con Enrico Falqui cura, dal 1940 al 1942, l’almanacco di “Beltempo” per le Edizioni della Cometa (che fonda e dirige), nelle cui collane appaiono tra l’altro libri di Bontempelli (Introduzione all’Apocalisse), Savinio (Tragedia dell’infanzia), Beccarla (Adamo). Nel 1981 appare un interessante libro di memorie dal titolo Roma 1935..




CONTENUTO SPONSORIZZATO

Meteo

Seguici su Facebook