phone ico (+39) 0775.211417

Ci sono: 1850 visitatori online

Video Gallery Fotografica  Facebook Twitter Canale YouTube

Altri personaggi

Nacque ad Alatri, da Ercole Costantini e Geltrude Montosi, il 5 dicembre 1897. Il suo nome di battesimo era Annunziata Costantini ed è stata un'attrice e doppiatrice tra le più famose negli anni che vanno dal 1930 al 1960.
Fece il suo esordio in teatro nel 1923, recitando nella “Fedra”: interpretazione che gli valse i complimenti di Gabriele D'Annunzio. Lavorò successivamente con le compagnie di Ruggero Ruggeri e Mario Mattoli, che sperimentava la comicità degli attori di varietà con il genere drammatico.
Il passaggio al cinema avvenne negli anni '30 con il film “La straniera” di Amleto Palermi, seguito da “Cinque a zero” (1932) di Mario Bonnard con la partecipazione anche di Vittorio De Sica.
Incontrò quindi il regista Guido Brignone, del quale si innamorò e dal quale ebbe due figli: per seguire la nuova famiglia si trasferì a Roma, dove iniziò la sua carriera di doppiatrice che la rese nota al grande pubblico.
Grazie al suo timbro di voce inconfondibile, suadente e caratterizzato dal cosiddetto “birignao”, ossia la pronuncia nasale con un prolungamento delle vocali, “fece parlare” al grande schermo italiano i miti del cinema hollywoodiano come Joan Crawford, Rita Hayworth, Bette Davis, Zarah Leander, Rosalind Russell, Myrna Loy, Marlene Dietrich e Greta Garbo. Quest'ultima si congratulò con Tina Lattanzi, facendole sapere di sentirsi più brava grazie a quel doppiaggio. Un'altra attrice, Greer Garson, le mandò su un tovagliolo un messaggio di complimenti. Tina Lattanzi regalò a queste mattatrici del melò il copyright di una voce dotata di tutte le sensualità dell'eterno mistero femminile.
L'attività di doppiaggio si estese anche alle pellicole d'animazione della Disney, nelle quali interpretò soprattutto i personaggi cattivi, come la Regina in “Biancaneve e i sette nani” (1938), la matrigna in “Cenerentola” (1950), la Regina di cuori in “Alice nel paese delle meraviglie” (1951), la strega Malefica in “La bella addormentata nel bosco” (1959).
Nel 1936 tornò brevemente anche al teatro, recitando con la compagnia del Piccolo  Teatro di Milano e in spettacoli con la regia di Giannino Antona e Jay Mallory.
Tra gli anni '50 e gli anni '60 recitò in film di Luigi Zampa, Francesco Maselli, Jean Delannoy e Luchino Visconti, che la chiamò per una parte nel suo “Gattopardo”.
Negli anni '70 si divise tra teatro e cinepresa ed il suo ultimo film fu “Il cuore di mamma” di Gioia Benelli (1988).
Sempre negli anni '50-'60 fu titolare del corso di recitazione presso il Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma; tra i suoi allievi figurò anche Claudia Cardinale, cui dette delle lezioni di dizione.
Trascorse gli ultimi anni in ristrettezze economiche e beneficiò del vitalizio per gli artisti in virtù della legge Bacchelli.
Morì a Milano il 25 ottobre 1997.
Questo l'elenco dei film cui partecipò:
- “La straniera”, regia di Amleto Palermi (1930)
- “Rubacuori”, regia di Guido Brignone (1931)  
- “Pergolesi”, regia di Guido Brignone (1932)
- “Cinque a zero”, regia di Mario Bonnard (1932)
- “Teresa Confalonieri, regia di Guido Brignone (1934)
- “Ginevra degli Almieri, regia di Guido Brignone (1934)
- “Passaporto rosso”, regia di Guido Brignone (1935)
- “Arma bianca”, regia di Ferdinando Maria Poggioli (1936)
- “L'ambasciatore”, regia di Baldassarre Negroni (1936)
- “Il conte di Bréchard”, regia di Mario Bonnard (1937)
- “Scarpe grosse”, regia di Dino Falconi (1940)
- “Incanto di mezzanotte”, regia di Mario Baffico (1940)
- “Una lampada alla finestra”, regia di Gino Talamo (1940)
- “La figlia del Corsaro Verde”, regia di Enrico Guazzoni (1941)
- “I mariti – Tempesta d'amore”, regia di Camillo Mastrocinque (1941)
- “Beatrice Cenci”, regia di Guido Brignone (1941)
- “La Gorgona”, regia di Guido Brignone (1942)
- “Le due orfanelle”, regia di Carmine Gallome (1942)
- “Giorno di nozze”, regia di Raffaello Matarazzo (1942)
- “Documento Z–3”, regia di Alfredo Guarini (1942)
- “Turbamento”, regia di Guido Brignone (1942)
- “La morte civile”, regia di Ferdinando Maria Poggioli (1942)
- “Romanzo di un giovane povero”, regia di Guido Brignone (1942)
- “Stasera niente di nuovo”, regia di Mario Mattoli (1942)
- “Giacomo l'idealista”, regia di Alberto Lattuada (1943)
- “La danza del fuoco”, regia di Giorgio Simonelli (1943)
- “T'amerò sempre”, regia di Mario Camerini (1943)
- “Storia di una capinera”, regia di Gennaro Righelli (1943)
- “Principessina”, regia di Tullio Gramantieri (1943)
- “Resurrezione”, regia di Flavio Calzavara (1943)
- “La Certosa di Parma”, regia di Christian-Jaque (1947)
- “Monaca santa”, regia di Guido Brignone (1948)
- “La sepolta viva”, regia di Guido Brignone (1949)
- “47 morto che parla”, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
- “Guarany”, regia di Riccardo Freda (1950)
- “Tormento”, regia di Raffaello Matarazzo (1950)
- “Il Conte di Sant'Elmo”, regia di Guido Brignone (1951)
- “Anna”, regia di Alberto Lattuada (1951)
- “Core 'ngrato”, regia di Guido Brignone (1951)
- “Quattro rose rosse”, regia di Nunzio Malasomma (1952)
- “Processo contro ignoti”, regia di Guido Brignone (1952)
- “Inganno”, regia di Guido Brignone (1952)
- “Le infedeli”, regia di Steno e Mario Monicelli (1953)
- “Piccola santa”, regia di Roberto Bianchi Montero (1954)
- “Vergine moderna”, regia di Marcello Pagliero (1954)
- “I pinguini ci guardano”, regia di Guido Leoni (1955)
- “Presentimento”, regia di Armando Fizzarotti (1956)
- “La ragazza del Palio”, regia di Luigi Zampa (1957)
- “La trovatella di Pompei”, regia di Giacomo Gentilomo (1957)
- “I delfini”, regia di Francesco Maselli (1960)
- “Il cavaliere dai cento volti”, regia di Pino Mercanti (1960)
- “Il Gattopardo”, regia di Luchino Visconti (1963)
- “Caterina di Russia”, regia di Umberto Lenzi (1969)
- “Orgasmo”, regia di Umberto Lenzi (1969)
- “Il presidente del Borgorosso Football Club”, regia di Luigi Filippo D'Amico (1970)
- “Bisturi, la mafia bianca”, regia di Luigi Zampa (1973)
- “La donna della domenica”, regia di Luigi Comencini (1975)

Bibliografia:
- Sito internet www.antoniogenna.it
- Sito internet www.mymovies.it

Contatti

gps Sede Legale: Via Mastruccia - Frosinone
phone ico (+39) 0775.211417 

Meteo

Seguici su Facebook