phone ico (+39) 0775.211417

Video Gallery Fotografica  Facebook Twitter Canale YouTube

Slide background
Slide background
Autunno in Ciociaria
Slide background
Autunno in Ciociaria
Slide background
Autunno in Ciociaria
Slide background
Autunno in Ciociaria
Slide background
Autunno in Ciociaria
Slide background
Autunno in Ciociaria

Tutti gli eventi giorno per giorno - All Events day by day

Vacanze in Ciociaria 2021 - Idee, Viaggi e Soggiorni

Ciociaria Real Estate 2021

Notizie Belle e Buone dalla Ciociaria e dal Lazio

La Ciociaria di San Benedetto

La Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere informato su Eventi e Visite Guidate in Ciociaria

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Benvenuti in Ciociaria

Indice articoli

Introduzione

Questa è la Ciociaria, una terra che confina con il Lazio, la Campania e l’Abruzzo. Essa è nota a tutti soltanto come una regione dove la gente porta ai piedi la “ciocia” e balla il “saltarello”, dove le donne si coprono le spalle col fazzolettone che nel celebre stornello fa rima facile con Frosinone. Eppure non lontano da qui è Cassino, ultimo segno di una secolare sofferenza. È una terra di passaggio e di razzie, che fu sempre calpestata nei secoli da cento eserciti diversi: etruschi, romani, normanni, saraceni, spagnoli. E anche ieri eserciti di ogni parte del mondo, e per ultime le orde marocchine lasciarono qui ferite inguaribili, sfregi innominabili. In tali offese antiche e nuove, è forse da ricercare l’origine del carattere così cupo dei ciociari, diffidenti dell’altrui sentimento e tanto gelosi del proprio, pronti all’ira come alla gioia, fieri e spacconi, spietati nel soffrire e nel far soffrire... Sono nato anch’io da queste parti, e conosco molte storie accadute qui. Ho visto per tanti anni accendersi passioni, nascere drammi, aprirsi segreti inaccessibili forse a chi è straniero, a chi ignora costumi e il dialetto laconico di questa gente.
Questa è la voce di De Santis che introduce Non c’è pace tra gli ulivi. Il regista ciociaro, con queste poche parole, riesce a descrivere al meglio la gente della Ciociaria. Ciò che si può trovare in questa terra, come le mura ciclopiche, i resti archeologici dell’epoca romana, i castelli e le fortificazioni medioevali, i borghi, i monasteri e le grandi abbazie sono la testimonianza di una terra di passaggio piena di storia.
La Ciociaria è un territorio indefinito geograficamente, vi è inclusa la provincia di Frosinone, il basso Lazio e quei paesi a sud della provincia di Latina. Anticamente, prima dell’unità d’Italia, la Ciociaria, come oggi la definiamo, era divisa in due dallo Stato Pontificio e dal Regno delle Due Sicilie. Il termine Ciociaria nella storia è stato accostato anche al fenomeno del brigantaggio diffuso nell’800, quando alcuni territori attorno a Roma spesso cadevano sotto l’anarchia di governi popolari. L’origine etnica del termine Ciociaria viene legato alla famosa tradizione della ciocia, calzatura usata nelle campagne: in realtà la ciocia non appartiene solamente alla cultura folkloristica del Lazio, ma veniva usata, anche se in forme simili e non uguali, in tutto il sud Italia. Nei paesi Balcani la ciocia era chiamata anche zampitto.
La Ciociaria è una terra caratterizzata soprattutto dalle tradizioni folkloristiche, palii tra contrade, usanze legate al mondo agricolo e religioso. Le processioni e il saltarello accompagnato dall’organetto, rappresentano la volontà del popolo ciociaro di preservare intatta l’autenticità della propria cultura contadina nei costumi.
La Ciociaria è anche una provincia di arte e cultura, soprattutto legata all’arte cinematografica. Il cinema ha saputo rappresentarla nel suo vero animo grezzo, ma anche in quello più profondo, puro e sensibile, come Francesco Dominici, protagonista di Non c’è pace tra gli ulivi, un uomo duro che è stato tradito dai suoi stessi compaesani, ma che vuole lottare, liberando la sua terra dal padrone per renderla libera. O come Cesira, della Ciociara, che viene tradita dalla sua stessa terra, la terra in cui è nata, dove trova la forza di reagire.
Anche nel cinema spesso il ciociaro viene descritto come un personaggio campagnolo ignorante e ingenuo, che sa parlare solo dialetto. A volte, però, il ciociaro è forte, duro, aspro come le sue colline, legato a ciò che è suo, ma capace di far del bene, come dice la canzone che apre un altro film di De Santis, Giorni d’amore: gente superba ma di cuore buono.

Vetrina dei Partner 2021




CONTENUTO SPONSORIZZATO
 
 

This website is hosted Green - checked by thegreenwebfoundation.org

Meteo

Seguici su Facebook