phone ico (+39) 0775.211417

Ci sono: 810 visitatori online

Video Gallery Fotografica  Facebook Twitter Canale YouTube

Tutti gli eventi giorno per giorno - All Events day by day

Le date degli eventi sono da definire nel rispetto delle normative previste contro il Coronavirus

Vacanze in Ciociaria 2020 - Idee, Viaggi e Soggiorni

Visite Guidate ed Experience

Notizie Belle e Buone dalla Ciociaria e dal Lazio

Ciociaria Mille Eventi un Viaggio

Eventi in Calendario

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

Abbazie

L'Abbazia di Fossanova

Abbazia di Fossanova

Nel comune di Priverno, nell’omonimo borgo sulla SS. Marittima in direzione Terracina, si trova la celebre Abbazia di Fossanova, ritenuta il più puro esempio di costruzione cistercense in Italia. Nel 1187 i monaci cistercensi iniziarono i lavori dell’abbazia facendo scomparire il modesto edificio benedettino esistente. La chiesa fu consacrata nel 1208, intorno allo splendido chiostro, in modo concentrico, furono costruiti la chiesa, la sala capitolare, i dormitori dei monaci, il refettorio, la cucina e il dormitorio per i conversi; di poco separati da questo complesso abbiamo il cimitero dei monaci, la foresteria e l’infermeria.

 

Possiamo affermare che i maestri costruttori, attenendosi scrupolosamente a un preciso ordine urbanistico ed ad una razionale misura architettonica, hanno ottenuto risultati così straordinari da essere da modello e scuola a tutte le altre costruzioni della zona. Il chiostro, di forma quadrangolare, ha tre lati di stile romanico e uno di stile gotico. Una lunga teoria di elaborate colonnine binate, che sorreggono archetti a tutto sesto, scandisce in modo armonico gli spazi. Un’attenzione particolare merita la complessa varietà di stili, intagli e bassorilievi delle colonnine. Ce ne sono lisce e tortili, intagliate e decorate, di stile cosmatesco, stile romanico e stile gotico.

La chiesa, costruita tutta con pietra calcarea locale, esternamente è caratterizzata da un ampio e luminoso rosone, formato da ben 24 colonnine geminate che poggiano su un cerchio più piccolo e da un monumentale portale fortemente strombato. Nel timpano troviamo “l’oculus”, di grandi dimensioni, quasi una rosa. La facciata, realizzata con perfetta alternanza di superfici piane e di cavità, di parti piene e di zone vuote, di linee rette e di curve, ottiene ottimi risultati dal punto di vista figurativo.

Sul corpo esterno della chiesa domina il tiburio, a due piani ed a pianta ottagonale: è un rifacimento posteriore, in quanto l’originario andò distrutto nel 1595 a causa di un fulmine. Esso è posto all’incrocio della navata centrale con il transetto e assume anche la funzione di torre campanaria. L’interno della chiesa è a pianta latina,con tre navate, tagliate perpendicolarmente dal transetto. Sette coppie di robusti pilastri scandiscono le campate.

Le navatelle laterali, molto più piccole della navata centrale, presentano archi a doppia ghiera e grandi pilastri, che occupano notevolmente il già ristretto spazio. L’interno, completamente privo di decorazioni, tranne pochi resti di affreschi del XIV secolo, da un senso di armonia e di equilibrio, in quanto le varie componenti architettoniche sono state concepite secondo un rigido principio delle proporzioni: la lunghezza della chiesa corrisponde a tre volte la larghezza; è uguale a quattro volte la larghezza del transetto e a quattro volte la larghezza della navata centrale, più la larghezza di una navatella laterale.

I pilastri formati da grossi blocchi sagomati di calcare presentano delle semicolonne pensili con mensole coniche, che proiettandosi in alto sorreggono i robusti archi e le crociere. A lato del chiostro, in una posizione più bassa, si trova la sala capitolare. Essa, a pianta quadrata, presenta la volta a crociere, ben evidenziate da robusti costoloni. Al centro della sala abbiamo due pilastri a fasce, sui quali vanno a scaricarsi le volte. La sala è illuminata verso il chiostro da una semplice porta e da due belle finestre bifore con colonnine binate. Tale sala fu ricostruita intorno al 1250, secondo lo stile detto “gotico fiorito”. Il refettorio, edificato di fronte al lato gotico del chiostro, è a pianta rettangolare, diviso in sei campate da cinque archi a sesto acuto. Esso presenta, addossato alla parete di destra, un interessante pulpito per il monaco lettore, inserito in una delle due arcate della parete.

In una piccola cella dell’adiacente foresteria abitò e morì San Tommaso d’Aquino nel 1274.

(testo tratto da www.comune.priverno.latina.it)

 

Naviga Raggiungi l'Abbazia di Fossanova

 

 

 


Monastero di Santa Scolastica a Subiaco

Monastero di Santa Scolastica

Il monastero di Santa Scolastica è l’unico  dei 12 monasteri  fondati da San Benedetto con il nome di San Silvestro ad essere sopravvissuto ai terremoti e alle distruzioni saracene. Dal XIV secolo prese il nome attuale e dal 1465 i due chierici tedeschi A. Pannartz e C. Sweynheym, vi impiantarono la prima tipografia italiana, che arricchì la Biblioteca, già esistente, di incunaboli e di libri di grande valore.

Il complesso si presenta come un insieme di edifici costruiti in epoche e stili diversi: un ingresso, sul quale figura la scritta "Ora et Labora", con strutture del XX secolo, introduce nel primo chiostro o "Chiostro Rinascimentale" (XVI sec.), dal quale si passa in un secondo chiostro o "Chiostro Gotico" del secolo XIV ed, infine, in un terzo, detto "Chiostro Cosmatesco", del secolo XIII. Il Campanile è del XII secolo e la Chiesa attuale è della fine del 1700, l'ultima di ben cinque chiese stratificatesi lungo i secoli. 

La Biblioteca è oggi situata sul lato nord del Chiostro Gotico, mentre il Refettorio si trova nel lato ovest del Chiostro Cosmatesco, un tempo sormontato dal Dormitorio.

 

Monastero di Santa Scolastica

 

La Certosa di Trisulti

 Certosa di Trisulti
 
Nel territorio di Collepardo, comune insignito dal Touring Club Italiano del marchio di qualità “Bandiera Arancione”, sorge, a circa 800 m. d’altezza, sotto la cresta rocciosa del monte Rotonaria, tra il verde dei boschi che la circondano, la Certosa di Trisulti, splendido esempio di architettura religiosa in montagna.
 
Le sue origini risalgono all’anno Mille, quando S. Domenico da Foligno, monaco benedettino, fondò in questo posto di selvaggia bellezza e solitudine, già luogo di eremitaggi, come ci testimonia la vicina mistica grotta della Madonna delle Cese, incavata nella montagna e costruita sotto un’alta rupe, un monastero dedicato a S. Benedetto. Per volere del papa anagnino Innocenzo III, nel 1204 l’abbazia e i beni passarono ai Certosini, che curarono la costruzione di un nuovo monastero più conforme alla loro vita e regola monastica. Il cenobio è un complesso organico di edifici, viali e giardini in un breve piazzale che si affaccia su una voragine boscosa. Su questo piazzale troviamo l’antica Foresteria in stile romanico-gotico, detta “Palazzo di Innocenzo III”, che infatti qui amava soggiornare, ed è oggi sede dell’importante biblioteca che vanta oltre 36.000 volumi. Di fronte sorge la chiesa abbaziale dedicata a S. Bartolomeo. Rimaneggiata nel corso dei secoli, è di stile settecentesco, con facciata neoclassica. L’interno ad una navata è divisa da un’iconostasi in due parti, quella dei conversi e quella dei Padri, secondo la peculiare caratteristica della chiesa certosina; in ambedue notevoli sono i cori in legno. Alle pareti si possono ammirare i dipinti di Filippo Balbi, mentre la volta a botte è decorata con affreschi di Giuseppe Caci. Mirabili sono i due chiostri.

Il più piccolo racchiude il cimitero certosino, a sinistra del quale si apre la sala capitolare (con pavimento ad intarsio sul fondo di noce scuro), sulle cui pareti si ammirano otto quadri sulla Maddalena, probabilmente opera del Caci. Il grande chiostro, del 1700, invece, si trova su un piano più basso rispetto a quello della chiesa, ed è di stile Rinascimentale. Un’attenzione particolare va anche rivolta alla sagrestia, notevole per i suoi mobili in noce di scuola certosina e per gli affreschi realizzati nella volta che rappresentano la vita della Vergine. Gioiello della Certosa è la Farmacia, sistemata in una palazzina con antistante giardino caratterizzato da siepi di bosso, modellate in forme curiose dai stessi frati, un tempo orto botanico. Essa fu realizzata nel secolo XVIII, ma da sempre i monaci della Certosa hanno raccolto sulle montagne circostanti erbe con cui preparare medicamenti, unguenti, droghe che riponevano in vasi di terracotta maiolicata. Questi si possono ancora ammirare ben allineati in una delle due deliziose salette.
Ancora oggi permane la produzione di liquori tradizionali. Le sale della farmacia sono arredate con mobili settecenteschi e belle scaffalature in legno, sulle quali appaiono in bella mostra scatole di faggio e vasi in vetro e ceramica. Singolare è la decorazione pittorica, soprattutto del cosiddetto, salottino del Balbi, il salotto d’attesa che ha preso il nome del principale decoratore dell’intero complesso, il pittore napoletano Filippo Balbi, che fra il 1857 e il 1865 soggiornò a lungo nella Certosa per rifugiarsi dall’assedio borbonico ed eseguì numerosi dipinti. L’attenzione del visitatore è però attirata dalle volte a crociera della sala principale della spezieria, decorata sul finire del Settecento da Giacomo Manco in stile pompeiano, in ossequio alla moda esplosa dopo i primi ritrovamenti di pitture in Pompei ed Ercolano. Infine, sempre nella Farmacia, si può ammirare un suggestivo dipinto del Balbi, a grandezza naturale, raffigurante Frà Benedetto Ricciardi, direttore della Farmacia fino al 1863 anno della sua morte.
 
Questo dipinto, per gli abili giochi di prospettiva, mostra un’impronta di forte realismo. Per tutte queste particolarità, per la varietà di stili e di temi, per l’importanza storica ed artistica, la Certosa di Trisulti, abitata e gestita dai padri Cistercensi dal 1947, fu dichiarata Monumento Nazionale nel 1890.
 
 
 

 

 

Abbazia di Trisulti

 

 

 

 

Monastero di San Benedetto o del Sacro Speco

Monastero di San Benedetto o del Sacro Speco

Il Sacro Speco è un complesso di grande suggestione formato da due chiese sovrapposte e da diverse cappelle che, come detto da Pio II, si aggrappano  come un nido di rondini, a strapiombo al Monte Taleo. Si entra al monastero attraversando una stretta galleria  abbellita da affreschi della prima metà  XVI della scuola del Perugino.
La chiesa superiore consta di due diversi ambienti, il primo con volta a crociera e costoloni e l’altro romanico. Il primo ambiente presenta raffinati affreschi di scuola senese che raffigurano storie della vita di Gesù: in particolare spicca, nella parete di fronte l’ingresso, la  monumentale scena della Crocefissione che avviene al cospetto delle Pie donne e da una folla estranea alla tragedia. Nel secondo ambiente della chiesa superiore  si trovano le  pitture di scuola umbro - marchigiana  con storie della vita di San Benedetto, del principio del XV sec.

Si scende nella chiesa inferiore completamente affrescata da pittori  della  scuola romano benedettina, tra i quali Magister Conxolus al quale spetta la “Madonna col Bambino tra due Angeli” dipinta nella piccola abside di sinistra. Sulle pareti laterali si sviluppa un ciclo di affreschi le cui scene narrano episodi salienti della vita del Santo. Alla fine della prima rampa di scale  si trova l’ingresso al Sacro Speco, la grotta dove il giovane Benedetto visse per  tre anni, come ricordato  dalla statua dello scultore Raggi (1657).

Salendo  una suggestiva scala a chiocciola, scavata nella roccia, si raggiunge la Cappella di San Gregorio dove si trova il celebre affresco di San Francesco d’Assisi rappresentato senza stimmate  e aureola, dipinto perciò quando il Santo era ancora in vita. Scendendo la Scala Santa s‘incontrano la Cappella della Vergine le cui pareti sono affrescate da pitture di scuola senese, la grotta dei Pastori e si raggiunge il roseto dove San Benedetto vinse la tentazione della carne.

 

Monastero di San Benedetto o del Sacro Speco

Abbazia di San Domenico

Abbazia di San Domenico a Sora

Il complesso monastico sorge nei luoghi in cui era ubicata la villa paterna di Marco Tullio Cicerone, a pochi passi, dove immediatamente, statim, il Fibreno confluisce nel Liri. L’Abbazia di S. Domenico, ultimo e celebre cenobio fondato dal Santo di Foligno, è considerato tra i più antichi monumenti cristiani sorti nel territorio sorano.

Al 1011 risale la fondazione dell’Abbazia di San Domenico, dedicata alla madre di Dio e a San Domenico nel 1104, mentre al 1030 risale la data dell’atto di donazione con diversi beni del gastaldo Pietro il Maggiore, governatore di Sora e di Arpino, al monaco benedettino Domenico da Foligno (951-1031). All’interno del complesso troviamo la chiesa, il campanile, il cimitero ed il chiostro attorno al quale si articolano vari edifici. Oggi l’Abbazia si presenta con la facciata principale piuttosto sobria, con tre porte ed un bel rosone centrale. Gli stipiti della porta sinistra e quello sinistro del portale sono costituiti da blocchi calcarei con motivi agresti, a forma rettangolare, che probabilmente abbellivano l’archivolto della casa natale di Cicerone.

Una lastra di marmo semicircolare, di origine greca, poggia sul portale maggiore. Lo stipite destro del portale è costituito in parte da un blocco ornato da bassorilievi con motivi floreali e scene agresti che, probabilmente, fungeva da architrave di un’abitazione. L’interno della chiesa è a tre navate ripartite da una doppia fila di pilastri che racchiudono le colonne della chiesa originaria. La cripta è del tipo “ad oratorio” ed è costituita da tre navate trasverse divisa da 16 colonne di tipo diverso tra loro. La quinta colonna è costituita da un cippo miliare romano (306-312 d.C.) capovolto. Particolare suggestione conferisce alla cripta anche la tradizione che ci racconta della morte di San Domenico proprio accanto ad una di queste colonne (non identificata) dopo essersi fatto adagiare su uno strato di cenere, secondo l’uso benedettino. Nell’altare della cripta, dono di Clemente XI nel 1706, sono conservate le sacre spoglie del santo, morto nel 1031, in età avanzata.

 

 
abbazia sandomenico745 2
 
 
 
 
 

 

 

In evidenza

Atlantic Hotel Spa - Fiuggi
Atlantic Hotel Spa - Fiuggi
Atlantic Hotel Spa - Fiuggi

Atlantic Hotel Spa - Fiuggi

Atlantic Hotel Spa - Hotel Spa FIUGGI (Fr) - Tel. 0775.514065

Vai al Sito
Hotel Risto Bassetto - Ferentino
Hotel Risto Bassetto - Ferentino
Hotel Risto Bassetto - Ferentino

Hotel Risto Bassetto - Ferentino

Hotel Ristorante Bassetto FERENTINO (Fr) - Tel. 0775.244931

Vai al Sito
Hotel Il Cavalier d'Arpino
Hotel Il Cavalier d'Arpino
Hotel Il Cavalier d'Arpino

Hotel Il Cavalier d'Arpino

Hotel Il Cavalier d'Arpino - ARPINO (Fr) - Tel. 0776.849348

Vai al Sito
Hotel Villa Ida - Ceprano
Hotel Villa Ida - Ceprano
Hotel Villa Ida - Ceprano

Hotel Villa Ida - Ceprano

Vai al Sito
La Grotte - San Donato V. C.
La Grotte - San Donato V. C.
La Grotte - San Donato V. C.

La Grotte - San Donato V. C.

LA GROTTE Hotel - Ristorante - SAN DONATO VAL DI COMINO (Fr) Tel. 0776.508775

Vai al Sito
Palazzo Tronconi - Arce
Palazzo Tronconi - Arce
Palazzo Tronconi - Arce

Palazzo Tronconi - Arce

Localitá Tramonti - ARCE (Fr) - Telefono: 0776.539678- Email: info@palazzotronconi.com

Vai al Sito
Palazo del Senatore - Atina
Palazo del Senatore - Atina
Palazo del Senatore - Atina

Palazo del Senatore - Atina

ddd

Vai al Sito
Dal Patricano - Patrica
Dal Patricano - Patrica
Dal Patricano - Patrica

Dal Patricano - Patrica

S.S. Monti Lepini, Km 11,300 PATRICA (Fr) - Telefono: 0775.222459 Email: info@dalpatricano.it - Sito web: www.dalpatricano.it

Vai al Sito
Le Cannardizie - Atina
Le Cannardizie - Atina
Le Cannardizie - Atina

Le Cannardizie - Atina

Piazza Garibaldi snc ATINA (Fr) - Telefono: 0776.609297 - Email: info@lecannardizie.it - Sito web: www.lecannardizie.it

Vai al Sito
Le Case Marcieglie a San Donato
Le Case Marcieglie a San Donato
Le Case Marcieglie a San Donato

Le Case Marcieglie a San Donato

Via Pietracquara, 61 SAN DONATO VAL DI COMINO (Fr) - Telefono:3283182068 - Email:info@lecasemarcieglie.com - Sito web: www.lecasemarcieglie.com

Vai al Sito
Casa Lawrence a Picinisco
Casa Lawrence a Picinisco
Casa Lawrence a Picinisco

Casa Lawrence a Picinisco

Contrada Serre PICINISCO (Fr) - Telefono: 0776.688183 - Email:info@casalawrence.it - Sito web: http://www.casalawrence.it

Vai al Sito
I Giardini dell'Acropoli - Arpino
I Giardini dell'Acropoli - Arpino
I Giardini dell'Acropoli - Arpino

I Giardini dell'Acropoli - Arpino

Via Civitavecchia (SP Arpino-Casalvieri) ARPINO (Fr) - Telefono: 0776.848209 - Email: info@igiardinidellacropoli.it - Sito web: www.igiardinidellacropoli.it

Vai al Sito
Hotel Relais Filonardi - Veroli
Hotel Relais Filonardi - Veroli
Hotel Relais Filonardi - Veroli

Hotel Relais Filonardi - Veroli

Piazza Dei Franconi, 1 VEROLI (Fr) - Telefono: 0775.230645 - Email: info@filonardi.it - Sito web: www.filonardi.it

Vai al Sito
Domus Ernica - Veroli
Domus Ernica - Veroli
Domus Ernica - Veroli

Domus Ernica - Veroli

Via Giovanni Sulpicio, 28 VEROLI (Fr) - Telefono: 0775.236047 - Email: info@domushernica.it - Sito web: www.domushernica.it

Vai al Sito
 Valle Reale - Arpino
Valle Reale - Arpino
 Valle Reale - Arpino

Valle Reale - Arpino

Via Montenero (snc) ARPINO (Fr) Telefono: 0776 848127 o 338.1234065 Email:info@agriturismovallereale.com

Vai al Sito
Da Vittorio a Collepardo
Da Vittorio a Collepardo
Da Vittorio a Collepardo

Da Vittorio a Collepardo

Via Municipio,30 COLLEPARDO (Fr) - Telefono:0775.47002 - Email: davittoriocollepardo@libero.it - Sito web: http://www.davittorioristorante.it

Vai al Sito
Da Peppe - Castro dei Volsci
Da Peppe - Castro dei Volsci
Da Peppe - Castro dei Volsci

Da Peppe - Castro dei Volsci

Via Colle Pece, 15 CASTRO DEI VOLSCI (Fr) - Telefono: 0775.660016 o 338.9561388 - Email: info@ristorantedapeppe.it - Sito web: www.ristorantedapeppe.it

Vai al Sito
Erzinio Retrobottega - Guarcino
Erzinio Retrobottega - Guarcino
Erzinio Retrobottega - Guarcino

Erzinio Retrobottega - Guarcino

Contrada Castagnola GUARCINO (Fr) - Telefono: 0775.46026 - Email: info@erzinio.it - Sito web: www.erzinio.it

Vai al Sito
La Stella di Amaseno - Patrica
La Stella di Amaseno - Patrica
La Stella di Amaseno - Patrica

La Stella di Amaseno - Patrica

Km. 9.200 Via Dei Monti Lepini PATRICA (Fr) - Telefono: +39 0775.807050 - Email: camaseno@libero.it - Sito web: www.lastelladiamaseno.it

Vai al Sito
Le Delizie di Maria
Le Delizie di Maria
Le Delizie di Maria

Le Delizie di Maria

Le Delizie di Maria Via Scaffa, 84 - Arpino (Fr) . Telefono: 0776.882137

Vai al Sito
Casale Verde Luna
Casale Verde Luna
Casale Verde Luna

Casale Verde Luna

CASALE VERDE LUNA AGRITURISMO - PIGLIO (Fr) - Tel. 0775503051

Vai al Sito
Il Tartufo - Campoli Appennino
Il Tartufo - Campoli Appennino
Il Tartufo - Campoli Appennino

Il Tartufo - Campoli Appennino

IL TARTUFO - Ristorante Pizzeria CAMPOLI APPENNINO (Fr) - Tel. 0776.885070

Vai al Sito
Fattoria Lauretti
Fattoria Lauretti
Fattoria Lauretti

Fattoria Lauretti

FATTORIA LAURETTI - Macelleria e Gastronomia - AMASENO (Fr) - Tel. 0775.658044

Vai al Sito

Vogliamo dare i numeri

21

Anni On-Line

3000

e oltre visitatori al giorno

300

eventi inseriti al mese

12000

Fan su Facebook

Ciociariaturismo è da oltre 20 anni il portale turistico dell’intera Ciociaria una regione storica ricca di tesori e meraviglie !!!

Contatti

gps Sede Legale: Via Mastruccia, 29  Frosinone
phone ico (+39) 0775.211417 
fax ico (+39) 0775.1880722
email new ico redazione@ciociariaturismo.it

Meteo

Seguici su Facebook