Informazioni

museoTipologia Museo: biblioteca
percorsoIndirizzo: Abbazia di Casamari
calendarioGiorni e orari di apertura: lun.-ven. 08,30-18,30; sab. 08,30-12,30

bigliettoBiglietto di ingresso:

guidaVisite Guidate interne:
cartinaVisite Guidate al museo o città: Centro Guide Cicerone
museo serviziDidattica museale: 

Contatti

telefonoMuseo: 0775/282800
telefonoComune/Proloco, ecc:
faxFax:

email64 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
sitointernet http://www.casamari.it/ 

Prenota la visita guidata con il Centro Guide Cicerone:
telefono 0775.211417 - 349.4981226
faxFax: 0775.859011
email64Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
sitointernetwww.ciceroneweb.it

Multimedia

Mappa

Servizi e Pacchetti Turistici



Il primo nucleo della biblioteca di Casamari fu creato ai tempi dell’abate Benedetto, eletto nel 1036, mentre i suoi successori contribuirono al suo ampliamento. Nel 1152 i monaci benedettini furono sostituiti dai cistercensi per ordine del papa Eugenio III. L’attività di raccolta e di trascrizione dei codici continuò con questi con un nuovo impulso. Si trattava sempre di libri per usi liturgici e spirituali, utilizzati dai monaci stessi. Malgrado ciò i testi furono spesso dispersi, venduti o acquisiti illecitamente da ricche famiglie. La situazione peggiorò con l’istituzione della figura dell’abate commendatario nel 1430, che arricchì di testi pregiati le famiglie dei Colonna e degli Albani. Da un censimento della Congregazione dell’Indice effettuato nel ‘500 risultò che Casamari aveva approssimativamente, in quel periodo, 140 volumi.

Un nuovo impulso fu dato alla raccolta e conservazione dei testi dai Padri Trappisti nel 1717, ma circa cento anni dopo, durante l’occupazione francese (1811-1814) la biblioteca chiuse di nuovo. Il monaco Colombano Longoria curò il riordino dell’archivio e della biblioteca tra il 1841 ed il 1857, ma i moti per l’unità d’Italia minacciarono di nuovo la raccolta, che, malgrado la messa in sicurezza, fu nuovamente ridotta. Dopo l’unità d’Italia, con l’inventariazione dei beni ecclesiastici, risultò che Casamari possedeva circa 1692 volumi.
Nel 1907 la Biblioteca di Casamari divenne Monumento Nazionale, sotto la giurisdizione del Ministero della Pubblica Istruzione e sotto la direzione dei monaci. I locali della biblioteca, inizialmente nel corridoio dei monaci, furono spostati nel refettorio dei conversi, più adatti alla fruizione; qui furono collocati circa 20.000 volumi. Successivamente furono occupati altri locali limitrofi. Attualmente la biblioteca possiede circa 50.000 volumi ed è diretta da Padre Alberto Coratti.

Prenota subito:


0775.211417


 

 
 
 NOTIZIE UTILI
Biblioteca di Casamari 
Veroli (Fr)
Ricerche, elaborazioni e progetto:
Info: Ass. Centro Guide Cicerone
0775.211417
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Web ed e-mail:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giorni e orario di apertura:

 

{mosimage}
{mosimage}
{mosimage}