phone ico (+39) 0775.211417

Video Gallery Fotografica  Facebook Twitter Canale YouTube

Slide background

Grand Tour in Ciociaria

e Lazio delle Meraviglie

Slide background

Grand Tour in Ciociaria

e Lazio delle Meraviglie

Slide background

Grand Tour in Ciociaria

e Lazio delle Meraviglie

Slide background

Grand Tour in Ciociaria

e Lazio delle Meraviglie

Slide background

Grand Tour in Ciociaria

e Lazio delle Meraviglie

Slide background

Tutti gli eventi giorno per giorno - All Events day by day

Vacanze in Ciociaria 2021 - Idee, Viaggi e Soggiorni

Ciociaria Real Estate 2021

Notizie Belle e Buone dalla Ciociaria e dal Lazio

La Ciociaria di San Benedetto

La Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere informato su Eventi e Visite Guidate in Ciociaria

Abilita il javascript per inviare questo modulo

 

Concerto Fabraternus

Categoria
Eventi Musicali
Data
Venerdì 23 Febbraio 2018
Città
03023 Ceccano FR, Italy

Saranno le note drammatiche ma piene di speranza dello Stabat Mater di Gioacchino Rossini, venerdì 23 febbraio 2018, alle ore 18, nella Collegiata di San Giovanni Battista a Ceccano, a ricordare il percussionista Francesco Alviti, scomparso a 21 anni il 23 febbraio del 2009: con lui verranno ricordati Fiammetta Misserville, Ilenia Pirri e Pasqualina Mastrogiacomo, giovani vite stroncate dalle malattie e dagli incidenti, oltre a Pio Di Meo e Rico Gizzi, protagonisti della trasmissione della passione per la musica. Lo Stabat Mater di Rossini fu l’ultima esecuzione di Francesco Alviti come percussionista il 23 aprile del 2008.


Il concerto del prossimo 23 febbraio è affidato alle voci di Vittoria D’Annibale e Cinzia Cristofanilli, soprani, Enrico Talocco, tenore e Michele Migliori, baritono. Con loro l’orchestra sinfonica Francesco Alviti e il coro polifonico del Concentus Musicus Fabraternus Josquin Des Pres. la direzione è affidata a Mauro Gizzi.


Il concerto inizierà alle ore 18
Lo Stabat Mater di Rossini, di cui ricorre il 150° anniversario della morte, mette insieme il dramma e la poesia, la religiosità e la forza teatrale. Si direbbe che dei sette dolori di Maria, che derivano tutti dalla sua condizione di ‘Madre dell’uomo dei dolori’, l’arte e la devozione abbiano soprattutto posto in risalto la icona della Pietà: la Madre dolorosa che accoglie tra le braccia e stringe al cuore il Figlio suo morto sulla Croce. Ed è qui – sul volto di una Madre come impietrita dal dolore – che si coglie la dimensione più profonda della compassione: dolore e pace, sofferenza e speranza, strazio infinito e amore ineffabile. Ma, la Vergine Addolorata non si piega: rimane ritta e forte ai piedi della Croce (è il plastico senso latino dello “stabat Mater”), sorretta dalla pienezza della grazia proprio nei momenti in cui più forte è la sua partecipazione alla Passione del Figlio suo Gesù.

 
 

Altre date

  • Venerdì 23 Febbraio 2018

Vetrina dei Partner 2021




CONTENUTO SPONSORIZZATO
 
 

This website is hosted Green - checked by thegreenwebfoundation.org

Meteo

Seguici su Facebook