phone ico (+39) 0775.211417

Ci sono: 645 visitatori online

Video Gallery Fotografica  Facebook Twitter Canale YouTube

Altri personaggi

Artista rimasto un po' nell'ombra almeno fino alla fine del secolo scorso, Marco Mazzaroppi merita oggi una maggiore attenzione. Analizzando infatti la produzione pittorica del Frusinate, e in particolare del Cassinate, nella seconda metà del Cinquecento, a Mazzaroppi va sicuramente riconosciuto il merito di aver ricoperto un ruolo abbastanza importante in questo panorama artistico.

Alcune delle fonti a nostra disposizione collocano la data di nascita di Marco Mazzaroppi nel 1550 nella città di San Germano, odierna Cassino; altre invece omettono l'anno di nascita ma concordano nel dire che fiorì come pittore intorno al 1590. Attraverso la preziosa testimonianza dei due biografi De Dominici e Grossi possiamo ricostruire a grandi linee quella che fu la sua storia e la sua formazione. Mazzaroppi ebbe il privilegio di compiere i suoi primi studi nell'abbazia di Montecassino, dove suo padre lavorava come magiordomo dell'abate Angelo de Faggis. Con l'andare del tempo dimostrò una particolare attitudine verso l'arte del disegno e iniziò ad appassionarsi alla pittura, guardando l'operato di un ignoto pittore che era stato chiamato nel monastero per eseguire alcuni lavori. L'abate de Faggis si accorse delle buone capacità del ragazzo e decise di mandarlo a Roma a sue spese affinché continuasse e perfezionasse i suoi studi. Una volta ammirate a Roma le opere di Raffaello e di altri illustri artisti, Mazzaroppi si trasferì prima nelle Fiandre e poi in molti luoghi d'Italia dove continuò a studiare e osservare i più valenti pittori. Tornò poi a Roma e vi lavorò in diverse occasioni finchè non fu richiamato dai monaci di Montecassino per compiere i suoi primi lavori nell'abbazia. Le opere di Marco Mazzaroppi piacquero molto al celebre pittore Francesco Solimena, che le vide passando per San Germano, prima di arrivare a Montecassino. Marco Mazzaroppi morì nel 1620 e non avendo avuto figli lasciò i suoi beni a un monastero di monache claustrali da fondarsi nella sua città.

E' possibile ricostruire una parte della produzione pittorica di Marco Mazzaroppi attraverso la guida di Montecassino di don Flavio Della Marra, padre archivista presso il monastero di Montecassino dal 1762 al 1779, in cui l'abbazia viene descritta, nel suo insieme, in maniera abbastanza precisa e dettagliata. Questa descrizione ci informa su tutti i lavori svolti dal Mazzaroppi all'interno del monastero e costituisce la fonte più antica a nostra disposizione per stabilire quale fu il suo operato al servizio dei padri benedettini.

Un'altra fonte di cui possiamo avvalerci per avere una conferma su quale fu l'operato del Mazzaroppi a Montecassino è il testo di Andrea Caravita, padre archivista a partire dal 1863, che comprende una raccolta di documenti riguardanti i codici e i lavori artistici conservati a Montecassino. Qui vengono confermate al Mazzaroppi le stesse opere assegnategli dal Della Marra.

L'intera produzione del Mazzaroppi eseguita per Montecassino è caratterizzata dall'utilizzo di uno stile semplice e severo, accompagnato da una grande sobrietà dei gesti e soprattutto delle espressioni dei personaggi, sempre raffigurati in atteggiamenti di devozione e di preghiera. Lo stile rigoroso e castigato adoperato dal Mazzaroppi fu senza dubbio dovuto alla rigidità del monastero e all'adesione ai nuovi canoni religiosi dettati dalla Controriforma, dopo il Concilio di Trento.

Elemento costante di tutte le sue opere a Montecassino è la raffigurazione di san Benedetto, fondatore del monastero nel 529 d.C.. Il santo è rappresentato sempre con le stesse sembianze che, come vuole la tradizione, apparvero in sogno al Mazzaroppi. Vivendo nella zona di confine tra lo Stato Pontificio e il Regno di Napoli, anche tutto il suo operato artistico risulta essere spesso una mediazione tra la tradizione rinascimentale romana, città dove pare abbia condotto i suoi primi studi, e la pittura napoletana che fioriva in quegli anni. L'operato artistico di Marco Mazzaroppi tuttavia non si esaurisce nella sola produzione conservata a Montecassino, ma si estende anche in gran parte del cassinate e del frusinate, spesso con notevoli risultati pittorici.

Estratto dalla tesi di laurea di Rosato Viviana, Università degli studi di Cassino

Contatti

gps Sede Legale: Via Mastruccia - Frosinone
phone ico (+39) 0775.211417 

Meteo

Seguici su Facebook