phone ico (+39) 0775.211417

Ci sono: 4897 visitatori online

Video Gallery Fotografica  Facebook Twitter Canale YouTube

Pontecorvo

Pontecorvo deve il suo nome al "pons curvus" sul fiume Liri, ma forse anche al simbolo benedettino del corvo, nel periodo di soggezione a Montecassino. Ipotesi, quest'ultima, avvalorata dal civico stemma raffigurante un ponte curvo sormontato da un corvo. Le origini della città risalgono al IX sec., quando il gastaldo di Aquino Rodoaldo fece costruire a ridosso del ponte, su uno scolglio roccioso, il castello con cinta muraria e torre (attualmente torre campanaria della Cattedrale di S. Bartolomeo, edificata proprio sui ruderi dell'originario castello feudale).

Dal 1463 Pontecorvo costituì una "enclave" pontificia nel territorio del Regno di Napoli, divenendo nel 1805 principato napoleonico con Bernadette. Tornò, con la restaurazione, alla Santa Sede, fino al 1860. Accanto alle tradizionali coltivazioni dei peperoni, dei fagioli di S. Oliva , dell'uva, nel periodo francese fu introdotta a Pontecorvo la coltivazione del "tabacco moro".

Testimonia l'operosità dei pontecorvesi la ultrasecolare lavorazione di oggetti in terracotta ed in particolare delle "cannate" (anfore con due manici con beccuccio per bere), tutte cotte al sole, tecnica pressochè unica in Italia. Dalla distruzione della guerra si è salvato il borgo di S. Stefano con la tipica porta medioevale.


 

Contatti

gps Sede Legale: Via Mastruccia, 29  Frosinone
phone ico (+39) 0775.211417 
fax ico (+39) 0775.1880722
email new ico redazione@ciociariaturismo.it

La Newsletter

Meteo

Seguici su Facebook

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati utilizzano cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la COOKIE POLICY. Cliccando su OK acconsenti all'uso di essi.