phone ico (+39) 0775.211417

Ci sono: 2835 visitatori online

Video Gallery Fotografica  Facebook Twitter Canale YouTube

Venne costruito nel XVI secolo dalla famiglia Angeletti su antiche costruzioni medievali, appena fuori le mura della città vecchia.  Nelle sue sale vennero ospitati personaggi illustri come il beato Antonio Baldinucci, Papa Clemente XIV e San Paolo della Croce.  Nel corso del XIX secolo il palazzo passò di proprietà al Principe Poniatowski (discendente del Re di Polonia Stanislao Augusto) e poi ai conti Antonelli di Sonnino.  Dagli anni ’20 è sede del Casa Comunale.  Un lato del Palazzo ingloba parte delle antiche mura medievali ed una delle porte urbane, Porta San Giovanni, con lo stemma della famiglia Colonna sulla chiave di volta. Interessante il portale squadrato con due stelle comete, stemma della famiglia Angeletti, nella parte alta e due scimmiette stilizzate poco più in basso.

Nell’antica sala consiliare, al primo piano, sono conservati alcuni cippi ed un interessante mosaico d’epoca romana a tessere bianche e nere, materiali rinvenuti perlopiù nella zona di Santa Maria a Fiume.

Nella sala sono conservati un busto e due tele raffiguranti illustri ceccanesi come il Marchese Filippo Berardi, uomo che modernizzò la città alla fine del XIX secolo, Oreste Sindici, compositore della musica dell’inno di Colombia e Gaetano Latini, coraggioso capitano che combatté con Garibaldi. Il Palazzo affaccia sulla Piazza omonima, caratterizzata da una imponente parete di roccia calcarea affiorante dove poggiano parte delle antiche mura. Sul lato opposto si trova la piccola Chiesa di San Sebastiano.

Sul retro dell'edificio si trova la Villa Comunale, antico giardino all'italiana del Palazzo nobile, con un ampio viale e alberi plurisecolari.

Bibliografia:
- SABINA ANTONINI, "Fabrateria vetus. Un'indagine storico-archeologica", Roma, Edizioni Quasar, 1988
- TOMMASO BARTOLI, "Luci ed ombre su Filippo Berardi nella Ceccano del suo tempo",Frosinone 1996
- ARNALDO BONANNI, "Oreste Sindici: il ceccanese che incanto Bogotà", Ceccano 1992
- ALFREDO CATTABIANI, "Santi d'Italia: vite, leggende, iconografia, feste, patronati, culto",  Milano, Biblioteca Universale Rizzoli, 1999
- GIUSEPPE COMPARELLI, "San Paolo della Croce da Napoli a Roma: saggi",Roma, Edizioni Progetto Gutenberg, 1994
- CARLO CRISTOFANILLI, "Da Frascati a Pofi: l'attività missionaria del beato Antonio Baldinucci nel Lazio meridionale",  Pofi : Circolo culturale "D. Silvio Bergonzi", 2006
- CARLO CRISTOFANILLI, "Dizionario Enciclopedico Ceccanese", Ceccano 1992
- "Dizionario biografico degli italiani" vol. 8: Bellucci-Beregan, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 1966
- EUGENIA SERAFINI, "Il mosaico pavimentale di Fabrateria Vetus, oggi Ceccano", Roma, Artecom, 1993
- MICHELANGELO SINDICI, "Ceccano, L'Antica Fabrateria", Bologna, Atesa Editrice, 1984  [ristampa anastatica dell'edizione della tipografia Befani di Roma del 1893] 

 

Contatti

gps Sede Legale: Via Mastruccia - Frosinone
phone ico (+39) 0775.211417 

Meteo

Seguici su Facebook