Monte San Giovanni Campano

Il suo nucleo fortificato “a cupola”, aspro ed inaccessibile, esempio lampante del fenomeno dell’ “incastellamento” del periodo di costituzione dello Stato Pontificio, fu originariamente chiamato “Castelforte” e poi Monte S.Giovanni Campano per la continua indicazione del nome “Montis Sancti Johannis” nelle Bolle Pontificie inviate ai Vescovi di Veroli per la conferma della dipendenza della Chiesa di San Giovanni Battista ed Evangelista alla Diocesi.

Il termine “Campano” si aggiunse per distinguerlo dall’omonimo centro nel reatino. Il Castello ducale, feudo dei Conti d’Aquino (oggi ben conservato e visitabile), poteva ospitare comodamente e funzionalmente un presidio di settecento militi; le due torri, una quadrata e l’altra pentagonale rappresentano una struttura militarmente perfetta per l’eliminazione di angoli morti. Nel 1243 San Tommaso d’Aquino vi fu rinchiuso per due anni dai suoi familiari per impedirgli di intraprendere la carriera ecclesiastica.

Durante la prigionia compose i suoi due primi scritti filosofico-scientifici “De Fallacis” e De Propositionibus Modalibus”. La stanza occupata dal Santo fu in seguito trasformata in Cappella. A lungo una delle più efficienti ed imprendibili fortezze del Lazio, il paese subì gravi danni solo nel 1495 con l’attacco delle truppe di Carlo VIII di Francia, durante la sua discesa in Italia alla conquista del Regno di Napoli.

{slider Informazioni}
sindacoSindaco: Angelo Veronesi
municipio2Municipio: tel. 0775.28991
users6Abitanti: 13.000 ca
mountain13Altitudine: 400 m
earth globeDist. dal Capoluogo: 20 km
carabinieriCarabinieri: tel. 0775.288603
police29Vigili Urbani: tel. 0775.289179
info31 oraPro Loco: 
patrono oraPatrono: San Tommaso d’Aquino
mercato oraGiorno di mercato: Sabato
email64 oraC.A.P.: 03025

{slider C’è da Vedere|blue}
Castello Ducale (prigione di San Tommaso XI sec.)
Cinta muraria e porte medievali
• Resti del tempio rupestre di Pozzo Faito
• Cippi confinari tra Stato Pontificio e Regno delle due Sicilie
Chiesa di S. Pietro de Arenula (XI sec.)
Santa Maria dell’Arendola
Santa Maria della Valle
Madonna del Reggimento
Convento dei Frati Minori Cappuccini
Vitarello località Anitrella (punto più stretto del corso del fiume Liri)

Istituti religiosi:
• Suore Carmelitane Teresiane via Roma 0775.288635, via Cotardi 0775.288555

• Istituto Suore Divin Salvatore, località Porrino 0775.282284
• Convento Padri Minori Cappuccini, località Cappuccini 0775.288612

{slider Manifestazioni|orange}

• Concerto augurale per il nuovo anno (2 gennaio)
• Stagione teatrale
• Celebrazioni in onore del Santo Patrono della città “Tommaso d’Aquino”
• Solenni festeggiamenti in onore della Protettrice della città “Maria SS. del Suffragio”
• Passeggiata storico-culturale lungo l’antico confine tra lo Stato Pontificio e il Regno delle Due Sicilie
• Festival Internazionale delle Città Medievali
• CHIMFESTIVAL rassegna di gruppi musicali emergenti fraz. Chiaiamari
• Concorso Letterario “La nostra terra” a cura dell’Associazione Culturale Colli
• Cantine in Piazza fraz. Anitrella (a cura del centro di promozione socio-culturale “Insieme 2000)
• “La città dell’Olio” esposizione e degustazione di pane e olio
• “Natale al borgo” (rappresentazioni teatrali, concerti, sagre)

Fiera delle merci e del bestiame
• 7 marzo (capoluogo)
• seconda Domenica dopo Pasqua (capoluogo)
• terza Domenica dopo Pasqua (loc. Chiaiamari)
• 11 giugno (loc. S. Onofrio)
• Ultima domenica di luglio (loc. Anitrella)
• 16 agosto (capoluogo)
• ultima domenica di agosto (loc. Chiaiamari)
• prima domenica di settembre (loc. Canneto)
• 10 settembre (loc. Reggimento)
• prima domenica di novembre (capoluogo)

{slider Figli Illustri|green}

Cardinale Vizzardelli
• Giovanni Tommaso Cimello (musicista)
• Manlio Sarra (pittore)
• Antonio Mastromattei (mestro costruttore di orologi)

{slider Mangiare e Dormire|red}

{slider Piatti e Prodotti tipici|orange}

• Bruschetta cappuccina
• Fedelini (sottilissime fettuccine al ragù)
• La “Garofolata”

{slider Sport e Tempo Libero|green}

    [TEXT]
{slider Multimedia|blue}
    [TEXT]
{/sliders}

 
{slider Come si raggiunge|grey}
In treno:
Treno Roma-Napoli via Cassino – fermata Frosinone. Autobus CO.TRA.L. Frosinone-Sora – fermata Porrino. Circolare urbana per Monte S.Giovanni
Via Autostrada:
A1(Milano-Napoli) – uscita Frosinone. S.S. “dei Monti Lepini” direzione Sora; Superstrada Frosinone-Sora – uscita Casamari Monte S.Giovanni
{/sliders}
X
Send this to a friend