Anniversario del Carro di Tespi

A fine maggio 2008 ricorre l’ottantesimo anniversario del primo progetto mobile del "Carro di Tespi". Un palcoscenico girevole, un teatro mobile di 538 metri quadrati oltre ai 120 riservati all’orchestra di cento esecutori.

Un’imponente architettura nata nel 1928, in grado di ospitare complessivamente 10.000 spettatori. Un’opera nazionale, la cui struttura tecnica venne immaginata dal ciociaro Antonio Valente, architetto e scenografo di cinema e teatro nato a Sora il 14 luglio del 1894. Una innovazione, quella del genio dell’arte, che portò negli angoli più remoti, spettacoli di qualità per un pubblico popolare.

Il Carro poteva spostarsi in tutto il mondo, grazie al lavoro di squadre di operai che smontavano l’imponente architettura d’acciaio, di legno e di tela. La prima rappresentazione risale al 4 luglio del 1929 nel piazzale del Pincio a Roma con "L’Oreste" di Vittorio Alfieri. In seguito si arricchì di importanti opere di D’Annunzio, Goldoni e Puccini.

Un nome importante come quello di Valente non può essere riposto nel dimenticatoio ma va celebrato come un genio che, per nostra fortuna, è nato in un paese della Ciociaria e ha lasciato il segno per le opere che è riuscito a realizzare. 

X
Send this to a friend