Umberto Mastroianni sulle Foglie del LEA

Il 25 febbraio del 1998 moriva uno dei più grandi artisti a cui la nostra terra abbia dato i natali: Umberto Mastroianni. In occasione del decimo anniversario della sua scomparsa, i Laboratori di Educazione Ambientale di Isola del Liri e Acuto dedicano alla figura dello scultore il numero 66 della collana "Le Foglie".

"L’opera di Umberto Mastroianni, poliedrico artista e scultore di Fontana Liri, è descritta in un’infinita bibliografia, ed il suo valore ha avuto i più importanti riconoscimenti a livello internazionale. Questo lavoro vuole essere un omaggio al fortissimo legame che Mastroianni aveva con la sua terra, che qui si tenta di riscoprire attraverso le sue opere, le sue parole, ed anche attraverso delle testimonianze inedite."
Queste le prime righe con cui l’autore, Fabio Lucchetti, apre la monografia in memoria di U. Mastroianni, la cui fama ha raggiunto le gallerie d’arte più famose e prestigiose del mondo, a cominciare dalla Galerie de France di Parigi, dalla Kleemann Gallery di New York, fino al Museo Hakone di Tokyo.

Trasferitosi a soli sedici anni a Torino, Umberto Mastroianni mantenne sempre un fortissimo legame con la sua terra, ed in particolare con Fontana Liri ma anche con Arpino, che gli concesse la cittadinanza onoraria. In provincia le opere di Mastroianni possono essere ammirate nel museo della Fondazione U. Mastroianni ad Arpino, ma molti sono i monumenti che si possono ammirare nelle città della provincia. Ne ricordiamo alcuni: il Monumento ai Caduti di Tutte le Guerre a Frosinone, il Mausoleo della Pace a Cassino, la statua in bronzo del Guerriero a Fontana Liri, il Monumento alla Resistenza a Vallerotonda.

 Consulta o scarica Le Foglie N°65 – febbraio 2008:
http://www.leafr.it/images/stories/foglie/lefoglie_n66.pdf

X
Send this to a friend