Carnevale Storico di Frosinone

Festa della Radeca - Carnevale Storico di Frosinone

Particolarmente originale è il Carnevale Storico di Frosinone che si svolge il martedì  e rievoca la festa carnevalesca della “Radeca” (foglia d’agave, simbolo di fecondità). Festa che si è poi rivestita di altri significati (lotta per la libertà) con la personificazione del generale francese Championnet, protagonista in Italia della difesa della Repubblica Romana e della nascita di quella Partenopea, tra il 1798 ed il 1799, nel re del Carnevale che finirà bruciato. 

Informazioni utili

Dove si fa: Frosinone
Data: Martedì Grasso
Organizzazione: Associazione Rione Giardino

Che Cosa è

Il lungo corteo, che si snoda a partire dalla Chiesa di Santa Elisabetta, nel rione Giardino, si divide in due parti. In testa sfilano figuranti in abiti settecenteschi a rappresentare i personaggi storici del periodo in cui la città di Frosinone era occupata dalle truppe francesi; in coda i “radecari” brandiscono festanti la classica “radeca” (foglia di agave, simbolo della festa), accompagnati da bande musicali, gruppi folkloristici, carretti carichi di botti di vino e dolciumi tipici. Arrivati presso Largo Turriziani si ripete la consueta condanna del generale francese Championnet, seguita dalla distribuzione dei cosiddetti “maccarune“(fini fini). A chiudere la festa nel rione Giardino è il cosiddetto “carnevale morto” cioè la lettura del testamento lasciato dal generale ed il rogo del fantoccio.

Un po di storia

La storia racconta che in seguito ad una violenta rivolta dei cittadini frusinati, all’inizio del 1799, le allora occupanti truppe francesi, vollero vendicarsi nella maniera più cruenta possibile, facendo una strage di abitanti dell’antica Frosinone. Pochi mesi dopo, mentre il popolo in piazza festeggiava in nome della Radeca, giunse voce al  Generale Jean Antoine Etiennè Vachier detto CHAMPIONNET di istanza nella vicina Anagni, di una nuova insurrezione cittadina. Questo, con l’intento di una nuova e più dura repressione, arrivò alle porte di Frosinone dove, invece di una folla inferocita, trovava un popolo festante. La leggenda racconta che lui stesso si sottomise al battesimo della “Radeca” e partecipò ai festeggiamenti.

Un po di storia

La storia racconta che in seguito ad una violenta rivolta dei cittadini frusinati, all’inizio del 1799, le allora occupanti truppe francesi, vollero vendicarsi nella maniera più cruenta possibile, facendo una strage di abitanti dell’antica Frosinone. Pochi mesi dopo, mentre il popolo in piazza festeggiava in nome della Radeca, giunse voce al  Generale Jean Antoine Etiennè Vachier detto CHAMPIONNET di istanza nella vicina Anagni, di una nuova insurrezione cittadina. Questo, con l’intento di una nuova e più dura repressione, arrivò alle porte di Frosinone dove, invece di una folla inferocita, trovava un popolo festante. La leggenda racconta che lui stesso si sottomise al battesimo della “Radeca” e partecipò ai festeggiamenti.

Programma tipo

Il corteo con figuranti, “radecari” e cittadini si snoda per le vie principali del centro storico con distribuzione finale di fini fini.

Informazioni • Ciociariaturismo

Visite Guidate • Centro Guide Cicerone

Pacchetti Turistici • Turismo Arancione Tour

X
Send this to a friend