Anagni

Anagni

Benvenuti ad Anagni, la straordinaria “Città dei Papi” e dello “schiaffo“nel cuore della Ciociaria in provincia di Frosinone. Questa affascinante città è rinomata per la sua ricca storia papale e offre una varietà di esperienze culturali e storiche uniche.

Anagni, l’antica “Anagnia” capitale della confederazione degli Ernici, si erge su di una collina tra i monti Ernici e la Valle del Sacco. La leggenda la annovera tra le cinque città della Ciociaria fondate dal dio Saturno. Sottomessa dai Romani nel 306 a.C., divenne prefettura e poi municipio.

Nel 1160, durante le lotte tra papa Alessandro III e Federico Barbarossa, ad Anagni venne pronunciata la scomunica contro l’imperatore e contro l’antipapa Vittore IV. Fu libero comune e nel secolo XIII cadde sotto la signoria dei Caetani. In questo periodo visse una fase di straordinario splendore, dando alla Chiesa ben quattro papi e divenendo residenza pontificia, tanto da meritare l’appellativo di “Città dei Papi“:  Innocenzo III, Alessandro IV, Gregorio IX e Bonifacio Vlll.

Fu teatro delle lotte tra i Colonna, il re di Francia Filippo il Bello e papa Bonifacio Vlll, che qui venne fatto prigioniero e avvenne il celebre episodio dello “Schiaffo di Anagni“. Nel 1798, prese parte ai movimenti giacobini che portarono alla Repubblica Romana. Nel centro rigorosamente medievale, fatto di edifici eleganti ed austeri, di chiese romaniche, di campanili, di logge e di piazze dall’architettura sobria ed essenziale, sono di grande interesse il duecentesco Palazzo di Bonifacio Vlll, il Palazzo Comunale, la Casa Barnekow e le numerose chiese, tra cui spicca la Cattedrale di Santa Maria, con la splendida Cripta di Anagni i cui affreschi costituiscono uno dei più interessanti cicli pittorici del duecento italiano. Nella Chiesa di San Pietro in Vineis si può ammirare un interessante ciclo di affreschi della Passione di Gesù secondo la vita di Chiara D’Assisi.

Oggi Anagni si è affermata anche come grosso centro commerciale e come uno dei poli industriali più importanti del centro-sud.

Anagni, l’antica Anagnia, capitale della confederazione delle città del popolo ernico e città sacra, si eleva sopra una collina affacciata sulla Valle del fiume Sacco. Città antica, conserva vestigia erniche negli scavi di Santa Cecilia, imponenti resti romani nelle mura che circondano il centro storico e ville dell’evo antico in più luoghi dell’agro, ma è soprattutto caratterizzata dai grandi monumenti medievali, epoca d’oro di Anagni, e da una facies settecentesca. In età arcaica il nucleo urbano della città doveva essere limitato alla parte più elevata della collina e raccolto ai piedi dell’Acropoli, area questa dove oggi si trovano la Cattedrale e Piazza Innocenzo III. Delle fortificazioni di questo periodo rimangono poche tracce lungo il versante meridionale, databili non oltre la fine del V o l’inizio del IV secolo a. C. In età romana la cinta muraria venne ampliata, costruendo una cerchia continua di mura in blocchi di travertino squadrati e disposti per testa e per taglio, in opus quadratum di tipo “serviano".

Questo ampliamento può essere datato tra la fine del IV e l’inizio del III secolo a. C. Purtroppo nel corso dei millenni la cinta muraria di epoca romana ha subito diversi rimaneggiamenti. Dalle invasioni barbariche fino al XVI secolo restauri o addirittura ricostruzioni rendono alcuni tratti delle mura di difficile datazione. L’esempio più possente di mura antiche lo troviamo nell’emiciclo degli Arcazzi di Piscina datati tra la fine del III e la metà del II secolo a.C., tre enormi pilastri liberi (cioè distaccati dalla parete) che si innalzano per una altezza di più di quindici metri dal suolo, dando vita a quattro imponenti archi a tutto sesto, di cui quello di sinistra è il più grande. I pilastri si distanziano notevolmente tra di loro e sulla testa di uno dei blocchi in pietra, posto nella sesta fila del pilastro centrale, è scolpito un simbolo fallico. Probabilmente si tratta di un’opera di contenimento e di terrazzamento anche con funzione difensiva. Anticamente, sulle mura si aprivano numerose porte di accesso alla città, in seguito demolite o trasformate. Attualmente gli archi di accesso sono tre: Porta Santa Maria (anticamente detta degli Idoli); l’ottocentesca Porta Cerere e, sul lato sud Porta San Francesco (detta in antico Porta del Sole).

Le ristrutturazioni e gli ampliamenti del tessuto urbano le fecero assumere il ruolo, oltre che di area a carattere religioso, anche di centro di difesa: il sistema di difesa adottato dallo Stato Pontificio in queste zone fu dettato dall’esigenza di difendere l’ampia proprietà feudale (legata per via di parentele al seggio pontificio) ed era costituito da un sistema di difesa centrico di torri attorno alle civitates maggiori (Anagni, Ferentino, Alatri ) dove la vicinanza stessa dei centri urbani fa sì che le strutture difensive degli abitati si susseguano naturalmente lungo l’asse della Casilina. Di queste torri, ancora visibili nell’agro anagnino, segnaliamo: la Torre Antonina, identificabile con il basamento quadrato conservato presso la chiesa di Rocca Sant'Antonino (tra Anagni e Ferentino); in buono stato di conservazione le Torri del Piano, di Tufano, di Collecurto (intonacata e forse trasformata in epoca moderna); la Torre di Arenzano e dell’Abbazia della Gloria, a difesa dei fabbricati religiosi; tre torri in territorio di Ferentino (Cornella, Norana e una trasformata in abitazione privata); la Torre Pidocchiosa, a nord ovest di Frosinone che conclude la linea fortificata che affianca il primo tratto della Casilina.

Sindaco: Daniele Natalia
Municipio: tel. 0775.7301
Abitanti: 19.964 ca
Altitudine: 470 m
Dist. dal Capoluogo: 25 km
Carabinieri: tel. 0775.727005
Vigili Urbani: tel. 0775.726901
Pro Loco: tel. 0775.727852
Patrono: San Magno
Giorno di mercato: Mercoledì
C.A.P.: 03012

• Festival Ernico-Simbruino (giugno-luglio)
• Festival del Teatro medievale rinascimentale (agosto-settembre)
• San Magno e sfilata della contrade medievali (18-26 Agosto)
• Rosso Cesanese (marzo-aprile)
• Antichità & Natura mostra mercato (ogni quinta domenica del mese)
• Anagni Arte (primavera-estate)
• Stagione dei concerti (primavera - autunno)

• Fiera di Santa Maria (24 marzo)
• Fiera di San Vincenzo (III domenica di maggio)
• Fiera di San Magno (19 agosto)
• Mercatino dell'usato (I domenica del mese)

I quattro Papi di Anagni
Innocenzo III
Alessandro IV
Gregorio IX
Bonifacio VIII

Altri figli illustri
Filippo Coletti (cantante lirico dell'ottocento)
Luigi Colacicchi (compositore)
Tommaso Gismondi (scultore, pittore)
Salvatore Sibilia (scrittore)
Enrico Sibilia (cardinale)

In treno:
Treno Roma-Napoli via Cassino - fermata Anagni Fiuggi Terme

Via Autostrada:
• Da Roma: A1(Milano-Napoli) uscita Ferentino. S.S. Superstrada Frosinone-Sora direzione Sora - uscita Castelliri. A Isola del Liri bivio per Arpino.
• Da Napoli: A1 (Napoli-Milano) uscita uscita Anagni Fiuggi T

Mangiare, Dormire,Trova tutto ad Anagni

Prossimi Eventi

Agosto 2024
Settembre 2024
Nessun evento trovato!

Meteo Anagni

Vivi questa esperienza richiedici tutti i dettagli e personalizzazioni:

Informazioni • Ciociariaturismo

Visite Guidate • Guide Cicerone

Pacchetti Turistici • Turismo Arancione Tour

Advertising
  • Banner Stella 2022
  • DMO "Terra dei Cammini"
  • Casale Verde Luna
  • Banca Popolare del Cassinate
Advertising

Compare Listings

Titolo Prezzo Stato Tipo Area Scopo Camere da letto Bagni