20 Chicche

Il Pozzo d’Antullo a Collepardo

Il Pozzo d’Antullo è una grandiosa voragine di origine carsica, creatasi a seguito dello sprofondamento della volta di una cavità sotterranea, la cui circonferenza è di 300m e la profondità massima di 70m. Lungo le pareti verticali pendono meravigliose cortine di stalattiti, mentre il fondo è celato da una ricca e lussureggiante vegetazione. La rarità […]
Scopri di più
Angelo di Giotto a Boville Ernica

Il Mosaico di Giotto a Boville Ernica

L’Angelo di Giotto è uno dei 100 tesori del Grand Tour in Ciociaria e Lazio delle Meraviglie. Una delle principali donazioni che Mons. Simoncelli volle fare alla sua famiglia e a tutta la cittadina di Boville fu la tutt’ora chiamata “Cappella Simoncelli” sita all’interno della chiesa di San Pietro Ispano, lo ricorda la lapide unita […]
Scopri di più
Area faunistica dell'Orso di Campoli Appennino

Area Faunistica dell’Orso di Campoli Appennino

Dal 2010  è stata istituita ed  aperta al pubblico, l ‘Area Faunistica dell’Orso di Campoli Appennino, con ben cinque orsi bruni europei, una dolina carsica recintata visibile anche dal centro abitato di Campoli Appennino. Il  primo amatissimo orso fu Abele, poi arrivarono  Jill, Sonia, Leone e Piero. La ”fossa” è una voragine profonda circa 130 […]
Scopri di più
Libro di Peitra Giovanni Paolo II Arpino

Papa Woityla in Ciociaria: Piglio,Veroli, Serrone, Arpino

Papa Giovanni Paolo ll, ha lasciato tracce anche in terra ciociara, oltre ai pellegrinaggi ufficiali fece anche tante passeggiate nel verde dei Monti Ernici-Simbruini. Ad Arpino, ai piedi della Torre di Cicerone possiamo ammirare una pagina del libro di pietra , “Dio dell’alleanza“, scritta dal papa e dedicata ad Arpino.
Scopri di più
Briganti - Colle San Magno

I briganti e brigantesse di Colle San Magno

L’incertezza dei confini tra gli Stati (Regno delle Due Sicilie e Stato Pontificio) favorì senza meno il fenomeno del brigantaggio in Ciociaria: i banditi potevano salvarsi saltando da uno Stato all’altro, passando a nuoto i fiumi e burlandosi dei doganieri con travestimenti e passaporti falsi. Infatti, è proprio sul territorio di confine che proliferò il […]
Scopri di più
Fumone

Il Borgo di Fumone e il Castello di Celestino V

Per la sua posizione e per la vicinanza al confine dell’antico Stato della Chiesa, Fumone, dal quale si dominano le vallate del Cosa e del Sacco, fu posto dal papato a sentinella contro le incursioni saracene e normanne. Sembra che il suo nome derivi proprio dal fatto di essere stato centro di segnalazione di eventuali nemici […]
Scopri di più
Il Guerriero Sannita

Il Guerriero Sannita nel Palazzo Ducale di Atina

La volsca Atina nel 589 d.C., con l’attacco longobardo capeggiato dal duca Zotone, città monumentale di impianto romano, subì rovina e distruzione. Il definitivo colpo fu dato dal terremoto del 1349, che rase al suolo definitivamente i resti romani e il primitivo borgo medievale. Atina fu ricostruita, sempre sul sito della città romana, ma più […]
Scopri di più
Casa Museo Accademie Vitti ad Atina

Casa Museo Accademie Vitti ad Atina

Ad Atina, dal 18 agosto 2013, è visitabile la casa museo intitolata “Académie Vitti” dedicata agli artisti e modelli Cesare Vitti e le sorelle Maria, Giacinta e Anna Caira, fondatori di una delle più importanti scuole o atelier d’arte sorti alla fine del secolo XIX a Parigi. Cesare Vitti, artista, scultore e modello, conobbe e […]
Scopri di più
Scala Santa Veroli

La Scala Santa nella chiesa di Santa Salome a Veroli

La Chiesa di Santa Sàlome, eretta sopra la ripida scarpata del lato occidentale cittadino, è una delle più care ai verolani poiché è dedicata alla santa protettrice della città, la madre dell’apostolo Giacomo, che nel I secolo ha raggiunto Veroli dalla Palestina. Una prima chiesetta fu presto ingrandita nel Trecento per essere poi successivamente rimaneggiata […]
Scopri di più

Argil, l’uomo di Ceprano a Pofi

Argil, “L’uomo di Ceprano“ (come è ormai conosciuto in tutto il mondo fra gli addetti ai lavori della paleoantropologia), il resto fossile che è stato affettuosamente chiamato “Argil” dal suo scopritore (perché ritrovato in uno strato d’argilla), l’uomo a cui apparteneva quel cranio, è tra i più antichi europei che conosciamo. Non solo. È una prova […]
Scopri di più
X
Send this to a friend